L’Earth hour: il mondo spegne le luci

di Lory Strano

Loggor_WWF_EH webbUn’ora di buio. Un’ora per la nostra terra e per la nostra vita su questa terra.

A volte per lanciare un messaggio importante c’è bisogno di gesti simbolici ma concreti e visibili. Tra qualche ora torna l’Earth hour, la più grande mobilitazione mondiale del Wwf. Per 60 minuti il mondo intero sarà invitato a spegnere le luci nel segno di un cambio di direzione . Le prossime generazioni, non devono ritrovarsi a fare i conti con i rischi del cambiamento climatico che stiamo procurando. Non c’è nessun dibattito in corso tra gli scienziati; gli scettici costituiscono una piccola percentuale. Gli stati dovrebbero solo dare attuazione al principio di precauzione e prendere seri impegni per un’inversione di tendenza.

 

Stasera dalle 20.30 alle 21.30 i cittadini e i volontari del WWF ma anche tutte le amministrazioni e aziende che prenderanno parte all’evento, faranno vedere da che parte stanno. La sensibilità dal basso si fa sempre più sentire, dalla prima edizione del 2007 che ha coinvolto la sola città di Sidney, l’ora senza elettricità si è diffusa come un virus in ogni angolo del Pianeta. Da allora una volta all’anno piazze, strade e monumenti simbolo come il Colosseo, Piazza Navona, il Cristo Redentore di Rio e la Torre Eiffel, vengono spenti per manifestare contro gli sprechi di energia. Sarannotante le città italiane ad aderire. A Roma si spegnerà la cupola di San Pietro. A Palermo, il teatro lirico più grande d’Italia, il Teatro Massimo , spegnerà la sua facciata per dire “no al cambiamento climatico”.

Mentre il buio avvolgerà i monumenti, i volontari e i cittadini che vorranno partecipare accenderanno delle candele per illuminare le piazze, formando il logo dell’Earth hour: 60+.

«Ci auguriamo che l’adesione da parte del Comune di Palermopossa essere l’occasione per concretizzare politiche ed azioni volte a combattere il riscaldamento globale – afferma Pietro Ciulla, presidente di WWF Palermo – I settori d’intervento sono molti ed il contributo degli enti locali è fondamentale: dall’efficienza energetica ai trasporti, dal risparmio e sostenibilità nella costruzione degli edifici ad una più corretta gestione dei rifiuti. Occorrono provvedimenti celeri ed efficaci». Mentre i governi proseguono lentamente in questa sfida, gli effetti del cambiamento climatico in atto si fanno sempre più evidenti. I cittadini di tutto il mondo dovrebbero mobilitarsi poiché siamo tutti parte dello stesso problema e contemporaneamente della soluzione.

 

 

 



Bookmark the permalink.